CronacaPrimo Piano

Brexit: al via le reazioni politiche. Vicari: Schifani è incoerente

La senatrice Simona Vicari
La senatrice Simona Vicari

(di redazione) Vicari: per Schifani lasciare il  Governo è la risposta alla Brexit, ma è proprio la credibilità dell’Italia una risposta al baratro.

“Il voto nel Regno Unito è, comunque la si pensi, espressione di democrazia, anche se armato da populismi che hanno sfruttato cinicamente l’incapacità dell’Europa di essere connessa con la sensibilità dei suoi popoli.

L’Europa della sola moneta è finita non basta l’economia per unire i popoli del vecchio continente” cosí il Sottosegretario alle Infrastrutture e ai Trasporti Simona Vicari. “Alla crisi dell’Europa non si risponde con meno Europa ma con più Europa.

Dobbiamo diffidare di chi cercherà di strumentalizzare questa crisi solo per un mero tornaconto elettorale. Dobbiamo contrastare questa deriva con un’iniziativa politica riformatrice e coraggiosa – aggiunge Vicari – per non rassegnarci ad un futuro oscuro governato dalle paure. Dire oggi, come ha fatto Renato Schifani, di uscire dal Governo, condannando così il Paese al baratro, non solo è incomprensibile ma significa anche non comprendere cosa sta accadendo nel mondo. Viviamo un momento delicatissimo.

Non sono preoccupata per l’incoerenza di Schifani – prosegue Vicari – perché mi rendo conto che ora non c’è in gioco la carriera di un singolo dirigente politico, ma il futuro di un Paese, di una comunità e non consentiremo a nessuno di gettarlo alle ortiche. L’Italia ha le carte in regola per essere protagonista se ci mostreremo uniti come comunità e credibili come Paese” conclude Vicari.

Dal Comune di Palermo invece il Sindico Orlando: “Spero che con la tua leadership Londra sappia rimanere Londra, con la sua dimensione internazionale e interculturale, con la sua apertura mentale che sono state confermate dal voto dei cittadini londinesi”. Lo ha scritto oggi il Sindaco di Palermo Leoluca Orlando in una lettera inviata al sindaco di Londra, Sadiq Khan

“Il voto di ieri – afferma Orlando – avrà conseguenze geopolitiche di portata oggi difficilmente immaginabile ma credo che già da oggi tutti dobbiamo fare la nostra parte: perché l’Europa reagisca riscoprendo i propri valori fondanti di solidarietà, cooperazione e supporto reciproco fra gli stati e perché questi tornino ad essere caposaldi della sua politica interna e internazionale.

Palermo nel suo piccolo dell’azione locale e nella sua dimensione internazionale continuerà ad essere città accogliente di tutti, anche dei neo extracomunitari britannici”

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.