Esteri

Boston, arrestati sospetti attentatori. Morto agente in sparatoria

Attentato a Boston

Continuano le ricerche della polizia e dell’ FBI al fine di trovare i crudeli autori della strage alla maratona di Boston. Nella notte, quattro giorni dopo l’attentato, la polizia ha eseguito una vasta operazione, scattata dopo una sparatoria al Mit, il Massachusetts Institute of Technology di Boston, che dista soli tre chilometri dal luogo degli attacchi di lunedì.

Nello scontro a fuoco un agente della sicurezza ha perso la vita. I due sospetti attentatori della maratona di Boston sono stati arrestati nell’area di Watertown, poco dopo il violento scontro a fuoco con la polizia. In un comunicato diffuso dall’Fbi si legge che: «si sta valutando se i sospetti al centro dello scontro a fuoco di Watertown sono gli stessi armati e pericolosi di cui il Bureau ha diffuso le foto in relazione all’attentato alla maratona. Stiamo lavorando con le autorità locali per determinare cosa è successo».

Sul sito Internet del Mit è stata subito diffusa la notizia che era in corso un’operazione della polizia e che la situazione era “estremamente pericolosa”, pertanto era consigliato di non muoversi dagli edifici del campus. Comunque, alcuni testimoni hanno subito raccontato alla polizia che i due sospetti attentatori erano armati di bombe-pentola a pressione che hanno tentato di scagliare contro gli agenti, ma gli ordigni non hanno raggiunto il bersaglio.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.