Economia & Lavoro

Bollino blu imposta di scopo? Per Federconsumatori è arrivato il momento di fare chiarezza

Lillo Vizzini, foto internet

Molti cittadini continuano insistentemente a rivolgersi allo sportello Federconsumatori affinché sia fatta, una buona volta, chiarezza sul bollino blu e sulla volontà della Amministrazione di Palermo a mantenerlo in vigore.

Il comma 8 dell’art.11 del D.L. n. 5 del 9 febbraio 2012, – convertito nella Legge n 35 del 4 aprile 2012 – ha introdotto una notevole semplificazione in ordine al c.d. “bollino blu”. In forza di tale disposizione di legge nazionale, a decorrere dall’anno 2012, il controllo obbligatorio delle emissioni dei gas di scarico degli autoveicoli e dei motoveicoli deve essere effettuato esclusivamente al momento della obbligatoria revisione periodica del mezzo. Ebbene, in seguito a talune incertezze nate in merito alla portata della citata fonte normativa, il Ministero dei Trasporti, con Circolare del 30 maggio 2012, ha precisato che già dal 10 Febbraio 2012 il tradizionale bollino blu non deve essere più richiesto né rilasciato agli utenti stradali.
Eppur tuttavia l’Amministrazione di Palermo, con la Delibera di Giunta n. 211 del 18 dicembre 2012, e in aperto contrasto con quanto previsto a livello nazionale e regionale, ha stabilito di confermare la validità del bollino blu, ma soprattutto di confermarne il costo.

Lillo Vizzini, presidente reg.le: “Non si può infatti negare che l’automobilista palermitano, oltre al costo della obbligatoria revisione biennale, che comprende già l’operazione di analisi dei gas di scarico, è costretto a pagare anche per il bollino blu. Tale imposizione, valida solo per la città di Palermo, si configura come una vera e propria imposta di scopo. Non solo! L’automobilista si deve accollare anche i costi per la gestione del servizio (circa € 1,30), ovvero il ricavo delle officine autorizzate. Paradossalmente, l’automobilista proveniente da una città ove non vige l’obbligo del bollino blu annuale, una volta entrato nella nostra città, deve essere multato! Nessuna preclusione a quei rimedi che possano concretamente determinare una sensibile riduzione di gas di scarico e polveri sottili nella nostra città, purché siano concreti e gravino il meno possibile sulle tasche dei cittadini. Abbiamo scritto, pertanto, al Sindaco e all’assessore all’ambiente: aspettiamo risposte.”

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Un Commento

  1. fra qualche mese ci chiederanno di pagare anche l’imposta sulla scopa_a. Vergognatevi amministratori e politici siete degli esseri insignificanti. A Noi cittadini ci tocca pagare per Voi pure le massaggiatrici e prostitute.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.