PoliticaPrimo Piano

Biancofiore: “Povertà? Ma la gente al bar prende il cappuccino”

Michela Biancofiore. Foto Internet

A volte ritornano. No, in questo caso non ci riferiamo a personaggi ma a dichiarazioni discutibili che sembravano ormai lontane nel tempo e soprattutto che non avrebbero mai fatto scuola. “Crisi? In Italia i ristoranti sono pieni”. Ve la ricordate? Questa frase dell’ ex premier Berlusconi, pronunciata poco più di un anno fa e “celebrata” per l’anniversario da IlModeratore.it (clicca qui), è stata a lungo oggetto di critiche e ironie risultando ai più una totale mistificazione della realtà italiana.

Ebbene la storia si è ripetuta. E ancora una volta è un membro del Pdl a far parlare di sé. Si tratta dell’on. Michaela Biancofiore, 41enne imprenditrice altoatesina eletta alla Camera nel 2008.

Ma veniamo alla questione. Nella puntata del 13 novembre della trasmissione di La7 “L’aria che tira” si discute del sistema di truffe che si nasconde dietro alcune agenzie “Compro Oro” anche in relazione alle cronache degli ultimi giorni. Il tema si allarga toccando argomenti più generici quali la crisi e la povertà che attanagliano il nostro Paese, come evidenziato dalla conduttrice Myrta Merlino.

L’on. Biancofiore, evidentemente in perfetta sintonia con l’analisi dell’ex presidente del Consiglio, afferma: “Venendo qua stamattina facevo un giro e vedevo che alle dieci del mattino ci stavano le persone fuori al bar che prendono il cappuccino. Vorrei sapere che cosa fa la gente a quell’ora, perché non lavora, se ci fosse realmente tutta questa povertà. Ad un noto bar di Roma – prosegue – a quell’ora è difficile che l’abbiano perso il lavoro. Perché se uno ha perso il lavoro non sta al bar a prendersi il caffè e il cornetto che costano più o meno cinque euro”.

Nel nostro piccolo, ci permettiamo di chiedere all’on. Biancofiore da quando alcuni avventori di un noto bar di Roma (immaginiamo alcune decine, volendo esagerare) si configurano come campione rappresentativo della popolazione italiana.

Probabilmente all’interno del bar si trovava quella ridotta, ahinoi, percentuale di italiani che può permettersi il lusso di pagare 5 euro per un cornetto e un cappuccino e di non dover essere al lavoro alle dieci del mattino come accade a tanti professionisti, anche a quelli della politica per esempio. A proposito on. Biancofiore, ma lei che ci faceva davanti al bar alle dieci del mattino invece di essere al lavoro?

Marco Cirincione

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Un Commento

  1. Forse per gli impiegati statali il cappuccino alle 10 è un rito irrinunciabile, la gente che lavora veramente se lo sogna… prima di blaterare andate a vedere il video….. Veramente ha detto un altra cosa ascoltate bene, ha un po’ divagato dal tema inseguendo un altro pensiero, cioè che a Roma c’è un sacco di gente che puo’ permettersi di non essere sul posto di lavoro ed essere seduti al tavolino del bar a bere , quelli magari pagati the noi che qualcuno difende , e questa mentalita’ ci ha affossato!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.