Politica

Bersani: “Grillo novello principe che non è mai sazio”

Pierluigi Bersani ( foto da internet)

Contro la proposta di un governo di cambiamento “arriveranno degli sbarramenti, a cominciare da chi pensa di tenersi libere le mani”. Lo dice Pier Luigi Bersani all’assemblea degli eletti del Pd riferendosi a Beppe Grillo, “un novello principe in formazione” che “non è mai sazio”.

“Vuol tenersi le mani libere e non per l’Italia, ma per qualcosa che si chiama potere. Noi, invece, facciamo l’inverso. Quel tanto di potere che abbiamo, lo mettiamo al servizio di questo Paese e cerchiamo una strada”, sottolinea Bersani che se la prende anche con chi nel Pd “dice ‘con M5S neanche un caffé, perchè è assurdo’ e poi sparge antipolitica a piene mani nella stessa pagina…”.

“Noi non abbiamo aperto diplomazie, non è in corso nulla di tutto questo. Noi vogliamo coltivare all’aperto una idea con la quale ci rivolgiamo al parlamento, con un programma alla luce del sole con il quale diciamo ‘adesso si può'”, spiega il segretario ai nuovi inquilini del Parlamento “Noi -sottolina- non siamo qui a cercare deputati o senatori. Io non ci sto che venga messa in giro questa cosa”, dice riferendosi a eventuali tentativi di fare cambiare casacca ai grillini.

Ma la situazione, non si nasconde Bersani è difficile: “Siamo i primi senza poter essere i soli. Questa è una difficile responsabilità”. “Noi non siamo in condizioni da soli di garantire un governo a questo Paese, tanto meno lo sono gli altri. Perché ancor meno gli altri hanno avuto questo affidamento dagli elettori”. “L’elettorato ci ha dato un primato -aggiunge Bersani- che si vede palesamente qui ma non ci ha dato le chiavi di governabilita’”. Dobbiamo “convocarci in un teatro -osserva- perché siamo tantissimi. La composizione dei nostri gruppi è radicalmente mutata”.

“Noi dobbiamo dare una mano a risolvere una grande questione, attrezzare il Senato e Camera” con i loro organismi e “anche qui io non intendo sentire che quando si discute di questo si fa scambio di poltrone, noi dobbiamo adempiere un compito istituzionale”. “Attorno a questi temi istituzionali -aggiunge Bersani- noi lavoriamo per una corresponsabilità”.

“In questo momento responsabilità è cambiamento. Non si possono mettere precari coperchi a una pentola a pressione in mezzo a una crisi che galoppa”, spiega Bersani. “Il cambiamento non è un belletto, non è generico nuovismo”, sottolinea Bersani, parlando di temi, innanzitutto, come “moralità pubblica, funzionamento e credibilita’ delle istituzioni”. “Questa terapia non è un programma di legislatura ma si tratta di punti su cui innescare idee per aprire la legislatura su temi concreti e non su chiacchiere”. “Non si poteva farlo prima, ora si può”, conclude Bersani. (Adnkronos)

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.