Primo PianoSport

Basket, Gianmarco Pozzecco nuovo allenatore dell’Upea Orlandina

Gianmarco Pozzecco (foto internet)

Gianmarco Pozzecco torna a Capo D’Orlando, stavolta da allenatore. L’ufficialità della notizia è arrivata nella giornata di martedì con un comunicato stampa da parte della società siciliana che nei giorni precedenti aveva esonerato il tecnico Bernardi.

Pozzecco sarà coadiuvato da Furio Steffè, suo fidato assistente, e David Sussi, che farà da collante tra il lavoro svolto dall’ormai ex Bernardi e l’attuale coach.

Nella sala stampa del PalaFantozzi, gremita per l’occasione, il ‘Poz’ si è commosso, lasciandosi andare anche a qualche lacrima: “Da questo momento i protagonisti saranno i giocatori” – sono state le prime parole da nuovo allenatore dell’Orlandina.

Determinante per il cambio in panchina è stato il deludente avvio di stagione: dopo sei gare di campionato, l’Upea Orlandina viaggia in fondo alla classifica della Lega Due con zero punti e dopo l’ultima sconfitta, in casa contro l’Acegas Trieste, la società ha optato per l’esonero di Bernardi.

Pozzecco è alla sua prima esperienza da allenatore, ma conosce molto bene l’ambiente avendo militato nel club siciliano, da giocatore, nelle stagioni 2007-2008 e, seppur con una sola partita all’attivo, nel 2009-2010, in serie C.

Quello che l’ex playmaker della nazionale porta con se non è di certo l’esperienza, essendo per lui una situazione completamente nuova, bensì l’entusiasmo, la voglia di riscatto e di rimettere a posto una stagione nata nel peggiore dei modi, ma ancora recuperabile. Entusiasmo che il Poz dovrà saper trasmettere non solo ai giocatori, ma anche ai tanti tifosi che non hanno mai smesso di sostenere la squadra, anche dopo le pesanti vicende che l’hanno relegata in Serie C, ma che adesso sono demoralizzati dopo un inizio in salita.

La ‘mosca atomica’, così soprannominato per la non elevata statura e la grande esplosività, si è sempre distinto per il suo temperamento, le sue doti di leadership e la personalità che, unite alla simpatia contagiosa, possono davvero rasserenare l’ambiente e risollevare le sorti del club siciliano, per far ripartire un progetto ambizioso che vuole l’Upea nella massima serie come quando, qualche anno fa, Pozzecco e la ‘rivelazione’ Orlandina illuminavano i palazzetti di tutta la Serie A.

Paolo Guagliardito

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.