Primo PianoTelevisione

Ballarò, Video Copertina Crozza: “Napolitano frustava e loro godevano”

Maurizio Crozza

«Da piccolo, quando mia mamma mi sgridava, stavo con lo sguardo basso e speravo che finisse presto. Se provavo ad applaudire mi arrivava una manata che mi gonfiava la faccia e mi ruotava per 360° come l’esorcista». Comincia così la copertina di Maurizio Crozza a cui tocca come di consueto l’apertura di Ballarò,del 23 aprile 2013. «Altro che larghe intese, erano larghe sberle».

Chiaro riferimento al discorso di Napolitano che ha rimproverato i politici definendoli sordi, lenti e insoddisfacenti. «Gli ha detto: avete fatto calcoli di convenienza, siete imperdonabili… e giù applausi. Al ‘siete anche delle merde’ c’è stata la standing ovation!»

«Sembrava una convention sadomaso. Napolitano che frustava e loro che godevano».  In realtà, secondo il comico genovese, tutti pensavano che il riferimento di Napolitano non fosse diretto a loro, tutti si guardavano intorno per capire con chi stesse parlando. «A forza di guardare quello a fianco si sono voltati tutti, l’ultimo era l’usciere che ha detto: ‘che avete da guardare? Io volevo Rodotà!’ ».

Crozza prende spunto poi per fare una riflessione sui politici che non vogliono lasciare la poltrona e che non se ne vogliono andare a casa, tutti tranne Napolitano ma «poi avrebbe creato un precedente».

L’unica certezza di questa situazione politica è la spaccatura interna del Pd e, rivolgendosi alla Serracchiani ospite in studio ha detto: «Si rende conto che appena Bersani ha annunciato le dimissioni lei ha vinto in Friuli? Lo dica a qualcuno, è un segnale. Senza guida, il Pd vince! Non deve fare le direzioni, deve improvvisare a braccio! In politichese si direbbe ‘andare alla cazzo’ ».

A seguire il video di Maurizio Crozza.

Celeste Bufalino

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.