Esteri

Aviaria, nuovi contagi in Cina. Oms: “Nessuna trasmissione umana”

Foto internet

Dalla Cina nuovo virus di influenza aviaria. Il numero delle persone contagiate dal Virus H7N9 dell’influenza aviaria, di cui sono già morte 6 persone, pare che sia salito a 21; con un nuovo caso a Bozhou, nella provincia di Anhui, un uomo di 55 anni, macellaio e venditore di polli che estende il contagio di circa 600 chilometri a Nord-Ovest da Shangai.

L’allarme crea problemi anche nelle Borse asiatiche, già alle prese con la crisi diplomatica tra le due Coree. Precipita la borsa di Hong Kong, che perde il 2,7%, da 4 mesi, mentre Shanghai e Taiwan si salvano poiché chiuse per festività. A risentirne sono anche le Borse europee, per paura che il ritorno dell’aviaria in Asia possa ridurre i viaggi.

Vista la situazione di allarmismo in continua crescita, l’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) oggi dichiara che non vi sono altri contagi, pur confermando i 14 casi. Da Ginevra, Gregory Hartl fa sapere che non vi sono prove certe di trasmissione del virus di influenza aviaria H7N9 da essere umano a essere umano e che sono stati avviati degli accertamenti sulle 400 persone che sono state a contatto con i 14 casi precedentemente citati.

Adesso l’obiettivo principale è quello di identificare la fonte del Virus. Secondo la Xinhua News Agency, agenzia cinese, sembra che i casi non siano 14 ma ben 16: sei a Shanghai, sei nella provincia di jiangsu, tre in provincia di Zhejjang e una in quella di Anhui. L’ultimo caso di morte risale a stamattina, un contadini di 64 anni, della città di Huzhou. In attese di conferme, la municipalità ha chiuso il mercato di “volatili” per poter tutelare la salute dei cittadini.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti Potrebbe Interessare:

Close