PoliticaPrimo Piano

Avanti a New York, il Pd insorge e chiede alla Regione di rimuoverlo

Giovanni Avanti. Foto Internet

Il presidente della Provincia regionale di Palermo, Giovanni Avanti, è volato a New York per il Galà Internazionale della Confederazione Siciliani del Nord America,  suscitando l’inevitabile levata di scudi dell’opposizione, Pd in testa.

Il viaggio oltreoceano di Avanti, il cui costo per le casse provinciali si aggira attorno a 15 mila euro, ha lasciato sconcertato il capogruppo Pd dell’assemblea provinciale, Gaetano Lapunzina, che non ha esitato a lanciare velenose frecciate nei confronti del presidente della Provincia, reo di aver abbandonato l’ente senza, tra l’altro, aver nominato un vice in sua assenza, dopo le dimissioni, lo scorso 28 ottobre, di Simona Vicari.

“Un Bilancio lacrime e sangue con tagli in tutti i settori, ivi incluse istruzione e assistenza – affermano Lapunzina e il suo vice, Tommaso Calamia – Una situazione politica al collasso con deleghe scoperte da vari mesi e malgrado tutto ciò il presidente Avanti accompagnato dall’assessore Tomasino ha ritenuto che l’interesse dei cittadini della Provincia di Palermo coincidesse con questa ennesima trasferta in Nordamerica.  Sarà che, dopo l’uragano Sandy, gli americani avevano fretta di guardare Avanti“.

Alle parole Lapunzina e Calamia hanno fatto seguire i fatti.  È stato infatti presentato un esposto al presidente della Regione e al Prefetto, in cui viene chiesta l’immediata rimozione di Avanti, a seguito di una sentenza del Cga del 2001, che stabiliva in sette giorni il tempo massimo per nominare un vice alla Provincia.

“Avanti ha annunciato di lasciare l’Italia per undici giorni. E non può sostituirlo nemmeno l’assessore più anziano, visto che il vicepresidente non è stato proprio nominato, malgrado abbia avuto una settimana per individuare qualcuno. Chiediamo che venga applicata la legge – chiude Lapunzina – e quindi che si proceda all’immediata rimozione del presidente Avanti dalle sue funzioni”.

Luca Mangogna

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

3 commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.