Economia & LavoroPrimo Piano

Autorità portuale, Comune e Amap per opera di deviazione e convogliamento Acquasanta

Vincenzo Cannatella, foto ufficio stampa

E’ stato firmato stamane tra l’Autorità portuale, il Comune di Palermo e l’Amap  l’atto di intesa  per l’opera di deviazione e convogliamento definitivo delle acque che sboccano all’Acquasanta, all’interno del porto industriale di Palermo. L’intesa è stata firmata dal presidente dell’Autorità portuale Vincenzo Cannatella, dal vicesindaco Emilio Arcuri, e dal presidente dell’Amap Maria Prestigiacomo.

L’Autorità portuale si impegnerà a proseguire i propri interventi con la disotturazione del canale di scarico per dare piena funzionalità all’impianto sgrossatore già realizzato, il Comune si farà carico del completamento delle opere previste, l’Amap gestirà l’impianto sgrossatore, assicurandone l’efficienza.

“L’Autorità portuale – commenta Cannatella – ha operato per eliminare l’annoso problema dello scarico fognario di circa 400 mila abitanti all’interno porto di Palermo, realizzando una prima parte dell’opera che certamente migliorerà le condizioni ambientali delle acque del bacino portuale”.

“Oggi – spiega Arcuri – abbiamo normalizzato una situazione di fatto non accettabile, ponendo le basi per il futuro. Una premessa necessaria, dunque, per proseguire i lavori che porteranno al completo disinquinamento della costa, facendo confluire i liquami al depuratore di Acqua dei Corsari”.

La gestione del nuovo impegno – dice la Prestigiacomo – costituisce il primo passo verso il completo disinquinamento della fascia costiera e assicura la funzionalità delle opere realizzate”.

Quando l’opera sarà terminata, infatti, dai quattro collettori Molo, Notarbartolo, Passo di Rigano e Sampolo, le acque reflue, opportunamente trattate, raggiungeranno il depuratore di Acqua del Corsari, mediante la condotta in corso di realizzazione da parte del Comune.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.