Primo Piano

Autonomia differenziata, Conferenza delle Regioni. Armao: “Giovedì prossimo confronto tra le Regioni”

Gaetano Armao

(riceviamo e pubblichiamo integralmente) Il vicepresidente della Regione e assessore all’Economia, Gaetano Armao, al termine dell’incontro a Roma:  “Giovedì prossimo in Conferenza delle Regioni si terrà un confronto tra tutte le Regioni e le Province autonome sul tema dell’Autonomia differenziata.

E’ un importante risultato che ho ottenuto stamattina durante una riunione della stessa Conferenza, dopo
aver presentato la lettera che, sull’argomento, il presidente Musumeci aveva inviato al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte e l’ordine del giorno che l’Assemblea regionale siciliana ha approvato ieri sera all’unanimità, dimostrando capacità di dialogo e di confronto sui temi dell’Autonomia”. Il vicepresidente della Regione e assessore
all’Economia, Gaetano Armao, al termine dell’incontro a Roma.

Il vicepresidente, in Conferenza delle Regioni, ha ricordato che “le misure di perequazione infrastrutturale in Sicilia sono state e risultano ancora oggi insufficienti e non hanno consentito di recuperare un divario inaccettabile, in palese violazione delle previsioni europee e costituzionali italiane del principio di coesione. Divario che è, peraltro,
aggravato dalla condizione di insularità che non solo consente, ma impone allo Stato l’adozione di misure di riequilibrio strutturale e fiscale”.

Per questo motivo, si legge nell’intervento del vicepresidente, “il regionalismo differenziato previsto dal terzo comma dell’articolo 116 della Costituzione, sul quale premono le Regioni del Nord, potrà non danneggiare la Sicilia solo se contestualmente troveranno riconoscimento, così come ha richiesto il Governo regionale, le previsioni dello Statuto e la contemporanea attivazione degli strumenti di perequazione fiscale ed infrastrutturale previsti dalla stessa Costituzione e dai Trattati Ue, nonché dalla disciplina sul federalismo fiscale”.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.