Primo PianoScuola & Università

Atti vandalici in una scuola a Palermo. Pacifico: “Bisogna contrastare il fenomeno della dispersione scolastica”

Marcello Pacifico

(di redazione) A pochi giorni dall’ inizio dell’anno scolastico, si manifestano atti vandalici in una scuola a Palermo. I danni sono corposi: muri imbrattati, estintori svuotati, armadi distrutti, materiale didattico fatto a pezzi. Francesca Lo Nigro, dirigente della direzione didattica Gabelli, dichiara: “È come se fosse passato un ciclone con il chiaro intento di distruggere e basta, non di rubare. Per noi un danno grave, visto che i fondi scarseggiano e non sarà facile riacquistare tutto e rimettere le aule in piedi”.

Il giovane sindacato Udir esprime profonda solidarietà e vicinanza alla dirigente scolastica e sottolinea come, soprattutto in zone particolarmente disagiate, sia necessario incentivare le attività scolastiche, poiché la scuola è proprio presidio di legalità, anteposto alla criminalità, che necessita di più fondi e aperture anche pomeridiane, che diano ai ragazzi un valido supporto per una sana crescita personale e professionale.

Il presidente nazionale Udir, Marcello Pacifico, afferma appunto che bisogna “contrastare il fenomeno della dispersione scolastica: le scuole collocate in aree più a rischio, con alti tassi di abbandono e scarso tessuto socio-culturale, vanno sostenute grazie al coinvolgimento formale di esperti esterni, psicologi, assistenti sociali, di una rete territoriale che possa intervenire in particolari momenti critici. Bisogna poi supportare il sistema scolastico delle regioni più arretrate con finanziamenti ad hoc, anche europei, rinforzare gli organici di docenti e personale Ata, anticipare l’obbligo scolastico a 5 anni e posticiparlo sino alla maggiore età”.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Un Commento

  1. Bisogna contrastare atti vandalici e bullismi di ogni tipo. Diritto all’opinione

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.