PoliticaPrimo Piano

Ars, Dpef in Aula senza maggioranza. Scoma: “Non da risposte ai problemi della Sicilia”

All’Ars il dibattito d’Aula avviato sul documento di programmazione economico-finanziaria viene interrotto per mancanza di numero legale e dal Pdl fioccano le critiche.

Scoma: “Non voteremo di dpef perché non contiene risposte ai problemi della Sicilia, né quelli economici né quelli strutturali: non si tengono in considerazione l’agricoltura, l’energia né l’imprenditoria in genere.
E, alla tirata delle somme, se il governo ci viene a dire che, in fondo, questo non è il vero documento di programmazione e che quello vero sarà stilato l’anno prossimo, allora… che cosa ci siamo venuti a fare in Aula? A che è servito questo dibattito? Il governo naviga a vista”.

“Ci aspettavamo di più, rispetto a quanto proclamato dal governo e anche al programma elettorale del presidente Crocetta – dice il deputato Pdl Nino D’Asero in merito al dpef sul quale s’è avviata oggi la discussione d’Aula – Il documento non supporta affatto i settori vitali dell’Isola, prima fra tutti la piccola e media impresa. E, considerando che la Pmi, in Sicilia come del resto in tutta la nazione, è sempre stata la spina dorsale dell’economia, al momento il mio apprezzamento nei confronti del dpef non può che essere negativo”.

Giorgio Assenza (Pdl), sottolinea la mancanza di una maggioranza nell’aula: “Insomma, ‘sta campagna acquisti del governo Crocetta non è stata un granché!” 

“In fondo, la mancanza di maggioranza ad appoggiare il documento finanziario in Aula – continua Assenza – non è altro che il giusto e scontato risultato per un dpef superficiale e privo di qualsiasi visione strategica globale”.

“Altro che 46 voti sicuri… Per arrivare a 36, oggi in Aula, c’è stato perfino bisogno di due consensi da parte della minoranza: la maggioranza si dissolve già alla prima conta – dice il vipresidente del Pdl all’Ars, Marco Falcone – E, per giunta, questa immediata defaillance arriva in occasione della presentazione di un atto cardine qual è il dpef”.

E per quanto riguarda la valenza del documento finanziario presentato dal governo, Falcone è lapidario: “Siamo in opposizione, poiché questo dpef non ha un respiro di strategia e di sviluppo ma è soltanto una mera analisi dell’esistente”.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.