CronacaPrimo Piano

Arrestato per droga a Ciaculli: nascondeva tra i giocattoli e il letto del figlio

Arrestato un incensurato e sequestrato un notevole quantitativo di hashish. La droga, occultata dentro i giocattoli di una bambina e tenuta, in giacenza, accanto al letto della minore.

La Polizia di Stato, ieri pomeriggio, ha condotto un’importante operazione antidroga nel quartiere di Ciaculli, scovando quello che è lecito ritenere il principale deposito di hashish del popoloso quartiere, ricavato nell’appartamento, in via Barbagallo, di un insospettabile incensurato, alla fine tratto in arresto: il 37enne, palermitano, Gaspare Di Maio.

I poliziotti della Sezione “Investigativa” del Commissariato di P.S. “Brancaccio”, a seguito di una laboriosa attività d’indagine, hanno ritenuto di avere localizzato, in una palazzina di due piani, nel cuore di “Ciaculli”, il deposito di hashish ed insieme l’ultimo centro di smistamento dello stupefacente, prima dell’approdo nelle piazze, al dettaglio, del popoloso quartiere.
Gli investigatori della Polizia di Stato hanno ritenuto che Di Maio fosse stato investito di questo ruolo (l’ultimo anello della catena di preparazione dell’hashish prima dello spaccio), poiché incensurato e, quindi, sconosciuto alle Forze di Polizia.

Per qualche ora, gli agenti, ieri pomeriggio, hanno svolto una meticolosa attività di osservazione dell’immobile che sapevano avere più vie di accesso, su più versanti; tale particolare ha reso, se possibile, ancor più complicata l’operazione di polizia perché ha determinato l’impiego di più agenti destinati a cinturare l’immobile ed evitare che durante le fasi dell’irruzione dei poliziotti, Di Maio si liberasse dello stupefacente, attraverso una delle molteplici vie di fuga.

Con la fondata ipotesi, quindi, che lo stupefacente si trovasse ancora in casa, i poliziotti hanno avviato una accurata perquisizione domiciliare, anche con l’imprescindibile ausilio di unità cinofile.
Il fiuto canino è giunto dove la mente ed i sentimenti dell’uomo non avrebbero mai immaginato di potersi spingere: “Dream”, uno dei cani più affidabili, nonostante la giovane età, del reparto cinofili ha, infatti, condotto gli agenti, lì dove, difficilmente sarebbero giunti: nella stanza da letto di una delle piccole figlie di Di Maio.

Il cane si è fermato ed ha indugiato, abbaiando, dinanzi ad una pianola giocattolo accanto al letto della piccola; è bastato smontarla per ritrovare 9 panetti e mezzo di hashish, per un peso di quasi 10 chilogrammi.
All’interno di uno zaino, in altra zona della casa, è stato, invece, ritrovato il “prodotto finito”, 80 stecchette di hashish, pronte per essere cedute allo spacciatore di turno ed immesse sul mercato a cielo aperto della droga di Ciaculli. Nello ziano anche due bilancini di precisione e svariate bustine di cellophane, per il confezionamento.

E’ lecito ritenere che lo stupefacente ritrovato e sequestrato, del valore, approsimativo, superiore ai diecimila euro, fosse solo una parte di ampie quantità di hashish fatte transitare, con una certà continuità, dall’appartamento di via Barbagallo. L’ipotesi è che, già da tempo, l’immobile fosse destinato alla preparazione ultima della droga, destinata alla vendita ed al consumo “last minute” a Ciaculli.

Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.