Download http://bigtheme.net/joomla Free Templates Joomla! 3
Home / Primo Piano / Aricò replica a Lupo: “I motivi dell’emergenza idrica in Sicilia? Dov’era finito?

Aricò replica a Lupo: “I motivi dell’emergenza idrica in Sicilia? Dov’era finito?

(di redazione) PALERMO. “Delle due l’una: o il capogruppo del Pd all’Ars è interessato a sapere quali sono i motivi dell’attuale emergenza idrica- e su questo potrebbe tranquillamente chiedere ai suoi compagni di partito che fino a qualche giorno fa sostenevano Crocetta- oppure desidera conoscere cosa intenda fare il Governo Musumeci per porvi rimedio nell’imminente futuro. E su quest’ultimo punto l’On. Lupo sarà felice di sapere che il Presidente della Regione ha posto il tema dell’acqua in Sicilia tra le priorità della sua agenda fin dal suo insediamento”.

Lo afferma Alessandro Aricò, capogruppo all’Ars di DiventeràBellissima, in replica alle dichiarazioni del capogruppo del Pd con riferimento al dibattito sull’emergenza idrica in Sicilia.

About Alessia Ilardi

Alessia Ilardi

Check Also

TRAPPETO (PA) – “SPENDITA DI BANCONOTE FALSE”, I CARABINIERI ARRESTANO VENDITORE AMBULANTE PALERMITANO

(di redazione) Nell’ambito dei servizi di controllo a largo raggio predisposti dal Comando Provinciale Carabinieri …

One comment

  1. Francesco Panasci

    Mariella Maggio su crisi idrica:
    Emergenza idrica: Maggio (Leu), inspiegabile perdita di tempo di Regione e Città Metropolitana di Palermo
    Palermo, 09 febbraio 2018 – “Mentre ai cittadini l’acqua comincia ad arrivare a singhiozzo, nei palazzi della Regione e della Città Metropolitana di Palermo si continua inspiegabilmente a perdere tempo. Le risorse ci sono. Basterebbe utilizzare quelle stanziate nel masterplan del Patto per la Sicilia e nel Patto per Palermo”. Lo dice l’ex deputata regionale di Mdp, Mariella Maggio, candidata di Liberi e Uguali al Senato nei collegi uninominale e proporzionale Sicilia 1.
    “Questa emergenza – aggiunge – poteva essere evitata se solo i governi regionali, uscente ed attuale, e quello metropolitano si fossero impegnati a sbloccare i fondi per realizzare le infrastrutture, riqualificare gli invasi, riparare le reti e realizzare le attività di manutenzione. In questo modo si sarebbero ridotte le enormi perdite delle condotte, che in alcune aree arrivano addirittura al 70 per cento”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: