Primo Piano

Ardizzone Presidente dell’Ars

Giovanni Ardizzone (foto internet)

Giovanni Ardizzone è il presidente della nuova Assemblea Regionale Siciliana.

Il neo Presidente ha da poco preso la parola per il suo discorso: “L’Unione Europea è una opportunità per la Sicilia. Non possiamo più permetterci la fuga delle migliori menti siciliane all’estero. Basta con le leggi di spesa approvate in notturna. I siciliani hanno smentito Sciascia quando dice che le idee non possono smuovere il mondo”.

Ardizzone ricorda la presenza nel parlamento regionale di due ex candidati alla Presidenza: Musumeci e Cancelleri. 

Il neo presidente invita ad una riflessione sullo Statuto, “Bisogna eliminare i rami secchi dello Statuto”.

A conclusione del discorso Ardizzone ricorda la cravatta in aula. Evidente il riferimento a Battiato.

Giovanni Ardizzone è nato a Messina il 15 gennaio 1965. Ha conseguito la laurea in Giurisprudenza e svolge tutt’oggi l’attività di avvocato. Eletto deputato all’Ars ininterrottamente dal 2001, svolge l’attività di parlamentare a Palazzo dei Normanni.

Ardizzone è stato eletto con 46 voti durante la seconda votazione nella seduta inaugurale dell’Assemblea. A scrutinio in corso, avendo già raggiunto il numero di voti necessari,  sono scattati applausi e congratulazioni per il nuovo Presidente.

Risultati definitivi dell’elezione alla Presidenza dell’Ars: Ardizzone 46; Leanza 1; Venturino 15; Cracolici 2; Lupo 4; Dina 1; Cancelleri 2; Arancio 2; Alloro 2; Formica 1; Ferrandelli 1; Bianche 13

 

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

4 commenti

  1. BUONE REGOLE ? !
    Da siciliano mi sento mortificato da tanto provincialismo e da tanta mediocrità a cui ha assistito tutta l’Italia, speriamo che si tatti solo di una gaffe accidentale . . . Crocetta un errore di comportamento così appariscente non l’avrebbe mai fatto, è abbastanza intelligente, in ogni anche disapprovando, nella peggiore delle ipotesi avrebbe affrontato il problema in privato, non si sarebbe coperto di ridicolo pubblicamente! – certo Battiato si sarà divertito e avrà qualche storiella spassosa in più da raccontare, ma . . . , specialmente in pubblico, in una manifestazione importante, non si mortifica neanche il “ragazzino del bar”.

  2. ci si preoccupa del richiamo alla cravatta, e si rimane indifferenti alla sconcertante affermazinone, del neo Presidente del Parlamento siciliano, di “eliminare i rami secchi dello Statuto” con riferimento all’Alta Corte?
    Credo che questà sarà la Legislatura in cui verrà definitivamente smantellato ciò che resta del vecchio Statuto autonomo. Il tutto mentre i siciliani continuano a gozzovigliare o a preoccuparsi di questioni che occupano il 100% del panorama mediatico informativo “nazionale”, ma che nella realtà dei fatti non riguarda la Sicilia, e quando viene fatto è sempre dal punto di visto italiano e non siciliano.

  3. Che squallore! Una mentalità piccolo borghese . . . . un presidente che esordisce richiamando un artista come Battiato per la cravatta! Immagino i suoi programmi! Che delusione! Che tristezza!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.