CronacaPrimo Piano

Archiviata denuncia per diffamazione contro Presidente Irsap

Il Gip del Tribunale di Agrigento, Francesco Provenzano, ha disposto  l’archiviazione del procedimento scaturito dalla denuncia per diffamazione presentata da Antonino Casesa, ex direttore generale del Consorzio Asi di Agrigento, nei confronti di Alfonso Cicero, attuale presidente dell’Irsap.

Casesa aveva ritenuto diffamatorie le dichiarazioni rese da Cicero ed i contenuti dell’articolo de “Il Fatto Quotidiano” del 24 dicembre 2013, dal titolo: “In Sicilia l’impresa delle Asi: ripulire il sistema industriale”. L’articolo raccontava gravi minacce rivolte da Casesa a Cicero allorquando questi iniziò a verificare le informative antimafia prefettizie riguardanti le aziende colluse e in odor di mafia insediate nell’Area industriale di Agrigento. Il presidente Cicero, oltre ad aver revocato i lotti industriali e gli appalti di tali imprese colluse con la mafia fino ad allora lasciate indisturbate dagli ex vertici dell’Asi di Agrigento, ha denunciato a tempo debito tali circostanze all’Autorità Giudiziaria.

Nella denuncia il presidente dell’Irsap Alfonso Cicero indicò l’episodio in cui Casesa, rivolto nei suoi confronti, mimò il gesto della pistola con le mani formulando anche ripetuti avvertimenti. Nella denuncia si specifica che Casesa  “avvisò” Cicero del fatto che tali azioni di contrasto alle imprese colluse avrebbero innervosito la mafia e in particolare le cosche di Favara.

Tornando alla denuncia archiviata, Casesa aveva ritenuto diffamatori anche i fatti riportati nel giornale on line “Sud Giornalismo d’inchiesta”, del 22 dicembre 2013, dal titolo “Cicero a Sud: il mio impegno contro il  malaffare”, in cui riprendeva in sintesi le minacce prima evidenziate e lo sfascio economico e finanziario per mala gestione che aveva caratterizzato gli ex consorzi Asi.

A tal proposito il GIP Francesco Provenzano rileva come “è indicato un fatto vero, e cioè il grave dissesto amministrativo che egli aveva trovato all’Asi di Agrigento”.

Nei confronti di Casesa, in separato procedimento, è stato richiesto un rinvio a giudizio dalla Procura della Repubblica di Agrigento in un procedimento penale che vede imputati in udienza preliminare l’ex presidente del Consorzio Asi di Agrigento, Stefano Catuara e altri dieci soggetti tra amministratori e dirigenti dell’Ente, a vario titolo per i reati di abuso d’ufficio peculato e truffa.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.