Cronaca

Appicca incendio per un eredità: arrestato nel Trapanese

Il 3 gennaio scorso i militari intervennero nel paese trapanese, di Castellamare del Golfo, dove un’abitazione era andata completamente distrutta a causa delle fiamme generatesi dall’esplosione di una bombola di gas.

Un uomo di 65 anni è stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di avere causato l’incendio della villetta.

Dopo aver appurato che si trattava di un atto doloso, i carabinieri hanno avviato le indagini scandagliando la vita della proprietaria dell’immobile, un’impiegata nubile di 49 anni, la quale tuttavia riferiva di non aver mai avuto problemi con nessuno se non qualche questione familiare con un cugino per l’eredità di una zia. Acquisiti tutti i filmati delle telecamere di videosorveglianza pubbliche e private presenti nella zona, i militari hanno individuato proprio l’autovettura del cugino della vittima dirigersi verso l’abitazione colpita dall’incendio e, particolare fondamentale, a bordo della sua auto veniva notato un bidone dello stesso colore e della stessa forma di quello rinvenuto all’interno della casa. Inoltre la stessa autovettura era stata inquadrata da altre telecamere in orari compatibili con il rientro presso la propria abitazione dopo aver innescato l’incendio senza questa volta il bidone a bordo.

Gli investigatori hanno approfondito la questione inerente l’eredità scoprendo che già in passato vi erano state delle questioni analoghe tra la propria famiglia e quella del cugino e che di recente i rapporti si erano nuovamente incrinati a causa di una abitazione lasciata in eredità dalla zia.

Cristina Monti

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.