Cronaca

Antimafia, il Procuratore Sergio Lari: “Non ce l’avevo con la stampa”

“Hanno suscitato non poche perplessità le dichiarazione che il  Procuratore Capo della Repubblica di Caltanissetta, Sergio Lari, avrebbe  pronunciato nel corso di un convegno sulla mafia, andato in scena a Chianciano Terme e riportate  dall’Agenzia di stampa Italpress. alle 10.27 del 16 Settembre scorso.

Parlando di centri occulti che starebbero orchestrando una campagna di delegittimazione contro chi combatte le mafie in Sicilia, il Procuratore ha detto che “si servono dei nuovi mezzi di comunicazione come i blog, i social network e alcuni siti di informazione on line che sono incontrollabili”.

Parole che, in un momento in cui il web rappresenta uno degli ultimi baluardi della libertà di espressione, sono suonate come una nota stonata. Soprattutto se pronunciate da un magistrato che con le sue inchieste sulla strage di via D’Amelio, ha dimostrato di non volersi fermare dinnanzi al  velo di Maya, e, soprattutto, se riferite ai ‘siti di informazione’. Che, solitamente, sono fatti dai giornalisti.

Il quotidiano LinkSicilia è riuscita a contattarlo. E a chiedergli lumi. “Non mi riferivo alla stampa, parlavo di un fatto specifico avvenuto su certi blog nisseni dove sono stati scritti commenti pesanti, ad esempio, a proposito del Prefetto di Caltanissetta. Non ce l’ho certo con la stampa” dice al nostro quotidiano online il Procuratore Lari. Che aggiunge: “Attaccare la stampa non sarebbe un mio compito, è come attaccare la magistratura”.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.