Primo Piano

Angelo Figuccia: “Ztl: dal 1 aprile potrebbe essere il caos, Orlando sull’orlo del baratro”

Angelo Figuccia
Angelo Figuccia

“Da quando il sindaco Orlando e l’assessore Catania hanno deciso l’istituzione delle ZTL, ne stanno succedendo di tutti i colori. Ma il bello deve ancora venire”. Lo afferma Angelo Figuccia, consigliere comunale di Forza Italia, che prosegue: “In attesa che il Tar Sicilia si preannunci sul ricorso presentato da alcune associazioni, in attesa che gli uffici comunali diano il via libera al referendum, in attesa del sit-in di protesta in programma tra una settimana, il caos regna sovrano sulle ZTL.

I sindacati dei vigili urbani hanno detto chiaro e tondo che, con l’attuale organico, non si potranno garantire controlli sugli accessi, commercianti e residenti sono sul piede di guerra, negli uffici dell’Amat si registrano code chilometriche mentre il sito va continuamente in tilt così come il centralino che dovrebbe dare informazioni.

In tutto questo bailamme, Orlando continua imperterrito sulla sua strada e non si rende conto di essere sull’orlo del baratro, dentro cui rischia di far precipitare l’intera città. Anzi, per uscire da questa situazione, il sindaco spera che il Consiglio Comunale voti la mozione del regolamento per l’approvazione, così come previsto dalla legge Finanziaria regionale. Mi auguro che l’Assemblea di Sala delle Lapidi non approvi un simile provvedimento, così Orlando può andare serenamente incontro al proprio disastro.

Per evitare che Palermo piombi completamente nel caos, ho già ritirato la mia firma dalla mozione e per questo motivo non parteciperò ai lavori del Consiglio Comunale di oggi pomeriggio, una scelta che spero sia condivisa dai miei colleghi. Dobbiamo impedire che i palermitani siano costretti a pagare l’ennesima tassa per circolare liberamente dentro gran parte della città”.

Tags
Moltra altro

Panasci

Giornalista editore e musicista. Da 20 anni anche produttore

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.