PoliticaPrimo Piano

Anci, Bianco a Renzi: “Una maggiore attenzione per il Sud”,

Una maggiore attenzione per il Sud. Questo ha chiesto il sindaco di Catania Enzo Bianco al premier Matteo Renzi nel corso dell’incontro a Palazzo Chigi tra la delegazione ristretta dell’Anci guidata da Piero Fassino e i rappresentanti del governo, dal ministro delle Riforme Maria Elena Boschi al sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Graziano Delrio.

Un Sud, e una Sicilia, i quali, ha ricordatoBianco, stanno contribuendo a cambiare il Paese partendo dai Comuni e da quelle città metropolitane che rappresentano una importante risorsa e un’opportunità anche sotto il profilo economico. Realtà che vanno aiutate a svilupparsi.

“Ci è stato confermato – ha detto Bianco –l’impegno preso dal governo precedente che destina una parte significativa delle risorse comunitarie a un Pon, il programma operativo nazionale Grandi città. Tra queste è compresa anche Catania, che per il comparto mobilità e per le emergenze sociali avrà una dotazione significativa, tra i cento e i duecento milioni di euro. E abbiamo parlato anche dell’emergenza alloggi e di edilizia scolastica, che sono tra gli obiettivi prioritari della nostraAmministrazione”.

Bianco ha giudicato molto positivo l’incontro conRenzi, svoltosi in un clima di grande collaborazione, e ha sottolineato come si tratti del preludio a una nuova stagione di concrete  riforme sia istituzionali che del fiscolocale, nella quale i Comuni italiani avranno una parte rilevante. Alla riunione erano presenti dodici sindaci, tra i quali Ignazio Marino (Roma), Giuliano Pisapia (Milano), Luigi De Magistris (Napoli), Leoluca Orlando (Palermo), Giorgio Orsoni (Venezia), Virginio Merola (Bologna), Federico Pizzarotti (Parma), Alessandro Cattaneo (Pavia e vicepresidente Anci).

“Renzi – ha detto Bianco – ci ha voluto un incontroper nulla formale ma operativo ed è entrato subito in argomento andando al cuore dei problemi. Nel suo approccio, e lo ripeto da tempo, ci sono quellaconcretezza e quel coraggio che sono da sempre componenti essenziali dell’azione dei sindaci italiani”.

Tra gli argomenti trattati nel corso dell’incontro,nuovo Senato con la riforma istituzionale – con una Camera federale delle autonomie in cui siedano sì i Presidenti delle Regioni ma anche i Sindaci delle maggiori città italiane –  cittàmetropolitane, tassazione locale e   portie infrastrutture.

Bianco ha evidenziato come dalla discussione siaemersa “la necessità di far ripartire un federalismo sussidiario e non gerarchico, con meno burocrazia e più autonomia: bisogna uscire da questa giungla di norme che opprimono i Comuni”.

“Nel Ddl di riforma del titolo V della Costituzione- ha aggiunto il sindaco di Catania – sono contenute norme in contrasto con questa idea. E in particolare quella che attribuirebbe alle Regioni competenze troppo stringenti anche in materia ordinamentale sui Comuni”.

Si tratta, insomma, di evitare il centralismoregionale: “Con il Premier abbiamo anche insistito sul fatto che i Fondi comunitari possano essere gestiti in modo diretto dalle città metropolitane, senza intermediazioni da parte delle Regioni, e su questi punti ci aspettiamo ora azioni concrete da parte del Governo”.

Nel corso dell’incontro si è parlato anche di comeesportare fuori dalla Sicilia l’abolizione delle Province, riforma approvata nella nostra regione.

Infine la riunione si è conclusa con un auspicio,un vero e proprio “Patto per la Repubblica” tra Governo, Comuni e Regioni (ricevute dal Premier nella stessa giornata), per il rilancio del Paese. Le istituzioni e gli enti locali che amministrano devono lavorare con grande sintonia hanno il dovere di dare risposte concrete ai cittadini.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.