Esteri

Alluvione Argentina, 54 le vittime e 1500 gli sfollati

Foto internet

Il bilancio delle vittime delle devastanti alluvioni in Argentina continua a crescere. La capitale Buenos Aires e la città La Plata sono state colpite da questo violento nubifragio creando tanti lutti e devastando le città. Al momento si parla di ben 54 morti e 1500 sfollati. Il triste scenario di morte avvenuto in modo spietato ha sorpreso il mondo intero.

Le 54 vittime hanno perso la vita annegando tra le acque e i loro corpi sono affiorati attimo dopo attimo. Il governatore provinciale Daniel Scioli ha raccontato come migliaia di persone hanno abbandonato le loro abitazioni trovando salvezza in centri di accoglienza. Tutta la regione intera infatti è stata colpita da circa 400 millimetri di pioggia in solo due ore. L’acqua in poco tempo ha raggiunto tutte le strade creando blocchi urbani; i cittadini infatti sono alcuni rimasti chiusi nelle loro auto, altri sperando di salvarsi sono morti folgorati appena l’acqua ha invaso anche apparecchi elettrici. Altri ancora sono stati costretti ad arrampicarsi sugli alberi o sui tetti delle case per trovare la salvezza.

“Non ho  mai visto nulla di simile. Questa situazione non ha precedenti” ha commentato  il governatore. In questo momento 280 mila persone sono senza luce a La Plata,città di 650mila abitanti a 50 chilometri a sud di Buenos Aires, è stata in assoluto il luogo più colpito da questa tragedia. Il ministro della Pianificazione nazionale  Julio De Vido ha dichiarato: “Il nostro lavoro  è ripristinare i servizi, ma  attenderemo fino a quando le attrezzature non si saranno asciugate, per  garantire la sicurezza dei lavoratori del settore elettrico, perché non vogliamo  altre vittime”. Infatti in questo momento la situazione è di assoluto blocco dei servizi pubblici, delle scuole e delle università, chiusi fino a nuovo ordine.

Da Città del Vaticano arriva la preoccupazione e la benedizione apostolica  di Papa Francesco a tutta la popolazione dell’Argentina e a coloro i quali stanno attuando i soccorsi. Inoltre incoraggia le istituzioni civili ed ecclesiastiche  e le persone di  buona volontà a dare spirito di solidarietà cristiana e aiuti necessari.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.