Sport

Alla scoperta di….Simon Gustafson. Il centrocampista che ha stregato Zamparini

Simon Gustafson,  nato l’11 gennaio del 1995  ha letteralmente stregato il Presidente del Palermo  Zamparini che già nella sessione estiva aveva provato a portarlo in Sicilia. E’ l’obiettivo numero uno del mercato di gennaio della società rosanero.  Centrocampista di nazionalità svedese,  può fare il regista oppure il trequartista nel 4-2-3-1.  Ha cominciato la sua carriera nel settore giovanile dell’Häcken e ha debuttato nel campionato svedese  il 31 marzo del 2013 nella gara con il Göteborg (0-3): a lanciarlo era stato il tecnico Peter Gerhardsson. Ha lasciato l’Häcken alla metà di luglio e ha firmato per quattro stagioni con il Feyenoord. Ha già giocato due partite in Eredivisie: novanta minuti contro il Pec Zwolle (2-0), sessantaquattro minuti e un assist contro il De Graafschap.  E’ mancino, con grandi qualità e  garantisce  equilibri al reparto: va in pressing, è robusto nei contrasti e sui calci piazzati può sfruttare la sua altezza (un metro e 85). Insomma, un centrocampista moderno dove qualità e quantita si fondono fra  loro.  Il giocatore ha fatto parte, insieme a Quaison e Hiljemark della nazionale Under 21 – diretta dal ct Häkan Ericson – che ha vinto il titolo Europeo di categoria lo scorso 30 giugno.

Ha debuttato il 15 gennaio del 2015 nella Nazionale maggiore contro la Costa d’Avorio (2-0) e quattro giorni più tardi è stato riproposto da titolare – per novanta minuti – dal ct Erik Hamren contro la Finlandia (0-1). Gustafson  viene gestito dal procuratore Carl Fhager, lo stesso che segue Oscar Hiljemark.  Nella scorsa stagione, con la maglia dell’Häcken, aveva segnato dieci gol in ventotto partite. Quattro gli assist, due le doppiette (al Mjällby e al Kalmar). A gennaio vedremo se Zamparini riuscirà a portarlo in Sicilia. I numeri dicono che fa al caso del Palermo.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.