Download http://bigtheme.net/joomla Free Templates Joomla! 3
Home / Primo Piano / Alla faccia del bicarbonato di sodio!

Alla faccia del bicarbonato di sodio!

toto1

(di Gianfranco Ponte) Il principe Antonio de Curtis avrebbe esclamato così!

Giorno 15 febbraio si celebrano i 119 anni dalla nascita e sempre quest’anno il 15 aprile si celebreranno i cinquant’anni dalla scomparsa.

Persona profondamente umile e generosa una volta confidò al suo cugino segretario, Eduardo Clemente, che nella vita bisogna fare sempre del bene indipendentemente da tutto.

Antonio de Curtis gestiva un canile con circa 200 cani, l’ Ospizio dei trovatelli, e sfamava una cinquantina di famiglie bisognose. Era solito passare per le vie di Napoli, in particolare nel suo quartiere il rione Sanità, dove depositava carte da dieci mila lire sotto le porte dei piu’ bisognosi. Al cameriere non dava mai la mancia, per non mortificarlo, la lasciava sulla sedia. Da casa sua la sua macchina, guidata dal suo fedele autista Carlo Cafiero, partiva piena di viveri ogni giorno.

Uomo dalla doppia personalità. Principe nella vita e grande attore sulla scena.

Ha passato cinque generazioni, lui era convinto che dopo la prima generazione, nessuno piu’ si sarebbe ricordato di lui. I ragazzi di ogni età lo conoscono. Il web e i social network lo celebrano ogni giorno, i suoi film sono campioni di ascolto con share alti. La sua grandezza a 50 anni dalla scomparsa cattura l’attenzione di intellettuali e studiosi di cinema e teatro come Ennio Bispuri.

L’associazione Antonio de Curtis in arte Totò, nel nome di Liliana ed Elena de Curtis, organizza eventi e mostre per ricordarlo sempre.

Antonio de Curtis diceva:

Non credo che dopo la mia morte avrò mai un monumento e neanche un monumentino.Io lo farei alla mia bombetta che tanto ha contribuito al mio successo.Come la pietra filosofale che rendeva invisibile chi la possedeva,anche la mia bombetta è capace di compiere un incantesimo:trasformare Antonio de Curtis in Totò.
Vi pare poco?”

La zecca di Stato in occasione appunto dell’anniversario dalla scomparsa conierà la prima moneta da cinque euro, la prima della Repubblica Italiana, con l’effige  di Totò eseguita dall’artista incisore Uliana Pernazza – medaglista romana – sul fronte un ritratto del principe con la bombetta, ispirato alla celebre foto di Guy Bourdin, del 1955. Sul rovescio, invece, le mani del comico nella caratteristica «mossa», con l’indice e il pollice che si toccano a intreccio e sul lato sinistro la firma autografa del celeberrimo artista.

Il patrimonio culturale che Antonio de Curtis ha lasciato è tantissimo. Poesie, canzoni, teatro, film fanno di Totò un artista completo e noi italiani dobbiamo esserne orgogliosi che sia nato nel nostro paese.

Il principe in confidenza con Franca Faldini, sua compagna per quindici anni, disse:

“Al mio funerale sarà bello assai perché ci saranno parole, paroloni, elogi, mi scopriranno un grande attore: perché questo è un bellissimo paese, in cui però per venire riconosciuti qualcosa, bisogna morire”.

 

Tanti sono gli eventi che già si preparano per l’anno 2017. Non resta che attenderli e goderceli.

About Massimo Brizzi

Massimo Brizzi

Check Also

 I vincitori del premio Abbado

 I vincitori del premio Abbado ( di redazione) Gran finale oggi pomeriggio al Teatro Massimo, …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: