Cultura

Alboautori.it, il sito che fa incontrare editori e autori

Alboautori.it. Foto Internet

Accedere al mondo dell’editoria non è mai stato facile, molte volte abbiamo ascoltato racconti di esperienze frustranti di aspiranti scrittori, che per riuscire a far leggere e pubblicare il loro lavoro alle case editrici hanno aspettato anni, nella maggior parte dei casi invano.

La diffusione di canali alternativi di comunicazione, resa possibile dalla capillarizzazione della rete, ha permesso che giovani artisti riuscissero nel loro sogno. Dapprima nel mondo musicale, adesso anche nel più settario mondo dell’editoria si prepara una rivoluzione, peraltro già in atto da qualche tempo, come dimostra l’ultimo caso letterario di E. L. James, l’autrice delle Cinquanta sfumature, che ha venduto milioni di copie nel mondo, la quale ha iniziato autopubblicandosi e autofinanziando il proprio lavoro.

Secondo i dati che fornisce l’associazione degli editori in Italia sono 38-40 mila le opere autopubblicate disponibili ad oggi, in formato cartaceo, più altre 6.000-6.500 in ebook, ed è con questa nuova realtà che le case editrici devono confrontarsi. Ci sta provando Mondadori che ha annunciato una piattaforma di autopubblicazione che dovrebbe essere realizzata appoggiandosi a quella di Kobo, la compagnia con cui il Gruppo ha già lanciato in Italia il suo ereader, ma il progetto più interessante è la nascita del sito www.alboautori.it, che ha l’obiettivo di mettere in connessione, e di farlo in maniera mirata, gli autori, le case editrici e gli agenti letterari.

Grazie a un sistema di metadati e parole chiave, invece, Alboautori mira a far incontrare la domanda e l’offerta attraverso schede delle opere molto dettagliate, in cui sono fornite informazioni non solo sul genere e il tema, ma anche – ad esempio – sull’ambientazione o il periodo storico. Oltre, in alcuni casi, parti del testo o l’intero scritto.

Mauro Morellini ideatore del sito spiega come opera la piattaforma: «In questo modo aiutiamo gli editori a trovare ciò che realmente cercano e gli scrittori a farsi trovare. Un servizio che si completa con la possibilità di scambiarsi messaggi diretti tra tutti gli utenti del sito. E a cui, presto, si aggiungerà anche un alert che avvertirà gli utenti non appena sarà pubblicata un’opera corrispondente alle loro esigenze» spiega ancora Morellini.

Un’ulteriore sezione, infine, «Informati», fornisce notizie utili dal mondo del libro e dagli eventi letti. « Al momento il nostro obiettivo è creare una community numerosa. Quando la raggiungeremo, il progetto sarà avviare una serie di servizi premium – spiega Morellini -. Potremmo farci pagare per fornire agli editori specifiche raccolte di testi, ad esempio. Oppure chiedere tariffe ad hoc per le posizioni più in evidenza nella home page».

Fabio Butera

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.