CronacaPrimo Piano

Aggressione a un muratore di Cinisi, arrestati 3 giovani di Terrasini

La scorsa notte i Carabinieri della Compagnia di Carini hanno dato esecuzione ad un ordinanza di applicazione di misura cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Palermo, sottoponendo agli arresti domiciliari tre giovani carinesi, che si identificano in Francesco Gambino classe 1993, disoccupato, Jonathan Thomas Altadonna classe 1992, disoccupato e Daniele Mazzola classe 1990, cuoco, accusati del reato di lesioni personali gravi in concorso.

L’attività di indagine, condotta dai Carabinieri della Stazione di Terrasini nell’immediatezza dei fatti, scaturisce dall’aggressione ai danni di un muratore 42enne di Cinisi, C. l., , avvenuta la notte del 16 novembre 2014, all’interno di un pub di Terrasini denominato “Havana Club”.

Secondo la ricostruzione degli investigatori, l’uomo si trovava all’’interno dell’esercizio pubblico intento a conversare con una ragazza, quando ad un tratto veniva infastidito, senza alcun motivo apparente, da uno dei tre odierni arrestati che, frapponendosi tra lui e la ragazza, lo aveva spintonato da un gomito facendogli cadere la sigaretta iniziando a deriderlo provocatoriamente.

Dopo un primo momento in cui sembrava che la discussione si fosse placata e i due soggetti erano stati divisi anche grazie all’intervento di alcuni presenti, la situazione degenerava nuovamente quando gli odierni indagati sono tornati nuovamente “alla carica”, aggredendo C. l., dapprima con calci e pugni fino al punto da farlo cadere a terra e successivamente sferrandogli diversi colpi con un’arma da taglio al torace ed al dorso, per poi darsi alla fuga.

A seguito delle ferite riportate, la vittima si dirigeva da solo presso la locale guardia medica e da lì, considerata la gravità della situazione, è stato necessario il trasferimento immediato in ambulanza presso l’ospedale “Cervello” di Palermo, ove gli veniva diagnosticata una lesione del polmone.

L’attività investigativa, incentrata sulla raccolta delle numerose testimonianze delle persone che erano presenti al momento dell’aggressione (riscontrate anche grazie alle informazioni reperite sui vari social network) e sull’analisi delle immagini estratte dai sistemi di videosorveglianza presenti nella zona, ha permesso di individuare i tre aggressori che adesso dovranno rispondere del reato di lesioni personali gravi in concorso.

Le indagini, tuttavia, non sono ancora concluse e sono in corso ulteriori accertamenti per verificare eventuali responsabilità correlate all’evento.

Gli indagati sono stati sottoposti alla misura cautelare degli arresti domiciliari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria che ha emesso il provvedimento restrittivo.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.