CronacaPrimo Piano

Addio al grande direttore d’orchestra Claudio Abbado

È morto all’età di 80 anni il direttore d’orchestra e senatore a vita Claudio Abbado. Il maestro da tempo era molto malato. Nato a Milano il 26 giugno 1933, si è spento nella sua casa di Bologna.

La famiglia Abbado ha comunicato la morte del direttore d’orchestra con questo messaggio: «Claudio è con tutti noi. È partito per il viaggio misterioso. Stringiamoci alla sua vita fortunata». La camera ardente sarà a Bologna, nella Basilica di Santo Stefano, dalle 14 di domani, martedì 21 gennaio, alle 24 di mercoledì.

È stato direttore de La Scala, della Staatsoper di Vienna e dei Berliner Philharmoniker. Ha acquisito meriti artistici nel campo musicale attraverso l’interpretazione della letteratura musicale sinfonica e operistica alla guida di tutte le più grandi orchestre del mondo. Il 30 agosto 2013 era stato nominato senatore a vita dal capo dello Stato Napolitano.

“Potrei ricordare tanti momenti importanti, tanti incontri e tante grandissime emozioni legate alle sue straordinarie interpretazioni – ha detto l’Assessore alla Cultura, Francesco Giambrone commentando la notizia della morte del Maestro Claudio Abbado -. Sono emozioni che resteranno per sempre nel mio cuore e che hanno segnato profondamente la mia esperienza di ascoltatore prima e di organizzatore culturale dopo. Oggi però il mio pensiero va soprattutto alla grande lezione che Abbado ci lascia sulla straordinaria capacità della musica e della cultura di incidere profondamente sulla società e di cambiare il destino di tanti giovani. Il suo impegno a dar vita anche nel nostro Paese all’esperienza venezuelana del metodo Abreu, che ha sottratto migliaia di giovani dal giogo della criminalità, deve continuare e deve essere uno degli elementi da cui ripartire per dare forza e valore alle politiche culturali. La musica e la cultura come impegno civile, ad di sopra di tutto.

So bene quanto Claudio Abbado – continua Giambrone – abbia amato Palermo cui ha donato la spinta emozionale più forte per la riapertura del Teatro Massimo in occasione del centenario, nel maggio del 1997. Quel concerto, come quello del 1 maggio in occasione dei cinque anni dalla riapertura e come gli altri che seguirono, hanno segnato in maniera indelebile la storia recente della città e rafforzato un rapporto importante. Per quello che l’ho conosciuto, però credo che il regalo più bello che Palermo abbia fatto ad Abbado (a parte la riapertura del Massimo) sia stato avergli idealmente dedicato, per i suoi ottanta anni, i diecimila nuovi alberi del Parco Cassarà. Un omaggio al suo amore per la natura e al suo impegno per il rispetto dell’ambiente”.

“Claudio Abbado è stato un palermitano onorario che ha saputo coniugare le radici palermitane di sua madre con l’amore e l’attenzione nel seguire il percorso di cambiamento della nostra città fin dagli anni della Primavera di Palermo, dirigendo, tra l’altro, la Berliner Philharmoniker, nel giorno della riapertura del Teatro Massimo, nel 1997, dopo venticinque anni di abbandono”. Lo ha detto il Sindaco di Palermo, Leoluca Orlando commentando la notizia della morte del Maestro Claudio Abbado avvenuta oggi a Bologna.

“Ho avuto negli anni più volte occasione di incontrarlo a Palermo come in Germania e di lui conservo un ricordo indimenticabile: l’invito autografato e con dedica, in occasione dell’ultimo concerto da direttore d’orchestra al teatro Massimo. Nei giorni scorsi – conclude Orlando – ho voluto dedicare a Claudio Abbado la piantumazione dei 10 mila alberi all’interno del Parco Cassarà, che saranno poi adottati dai ragazzi delle prime tre classi delle scuole elementari di Palermo, perché lui era la sintesi del connubio tra la vita, le piante, i bambini e la musica”

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.