Cronaca

A Chi l’ha visto nuovi indizi sulla scomparsa di Denise

Un colpo di scena nella vicenda di Denise Pipitone, la bambina scomparsa davanti casa sua il 1° settembre del 2004 a Mazara del Vallo (Trapani), quando aveva solo 4 anni.

Nella puntata di Chi l’ha visto andata in onda ieri sera, mercoledì 22 maggio 2013, Giacomo Frazzitta, difensore di Piera Maggio, madre della bambina, ha ripreso in ospedale l’interrogatorio di un ricoverato sordomuto, Battista Della Chiave che lavorava proprio in Via Rieti all’epoca dei fatti.

Tramite il linguaggio dei segni, l’uomo ha raccontato di aver assistito al rapimento della bambina da parte di un uomo. Nel filmato, quando Frazzitta gli ha mostrato la fotografia della bambina, ha confermato con assoluta certezza che si trattava proprio di Denise Pipitone.

Battista ha “raccontato di aver visto il giorno della scomparsa di Denise Pipitone un uomo fare una telefonata con la ragazzina in braccio, all’ora della scomparsa”. Quell’uomo si chiama Giuseppe della Chiave, ed era il compagno dell’allora migliore amica di Anna Corona, la donna a cui Piera Maggio ha rubato il marito. Gli inquirenti credono infatti che la bambina sia stata fatta sparire per vendetta.

Durante le riprese però è intervenuta la moglie dell’uomo, infuriata, per cercare di farlo smettere, accusandolo di delirare.

Giuseppe Battista comunque nega tutto e nega pure che suo zio capisca il linguaggio dei segni e che si sia potuto esprimere in quel modo.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.