CronacaPrimo Piano

A Catania processo contro imprenditore nisseno per aver diffamato presidente Irsap Cicero

Diffamazione aggravata a mezzo stampa. Parte a Catania il processo contro l’imprenditore nisseno Vittorioso per aver diffamato il presidente dell’Irsap Cicero. Alle battute finali analogo processo con imputato l’ex presidente Asi Umberto Cortese.

Si apre domani davanti al Giudice Monocratico del Tribunale di Catania il processo per diffamazione aggravata a mezzo stampa che vede imputato l’imprenditore nisseno Angelo Vittorioso, classe ’53, per un articolo di stampa contro il presidente dell’Irsap Alfonso Cicero che nel 2010, quando avvennero i fatti, era commissario straordinario dell’Asi di Caltanissetta.

Una vicenda giudiziaria che fa il paio con un analogo processo per diffamazione a mezzo stampa ai danni di Cicero e di Marco Venturi, ex assessore regionale delle Attività Produttive Marco Venturi, ormai giunto alle battute finali (il prossimo 4 maggio l’ultima udienza) che vede alla sbarra l’ex presidente dell’Asi nissena, Umberto Cortese, per 35 anni ininterrottamente alla guida del Consorzio.

I due procedimenti nascono dalla denuncia del presidente dell’Irsap Alfonso Cicero oggetto di numerosi attacchi senza precedenti quando, all’indomani del suo insediamento nelle Asi di Caltanissetta, Enna e Agrigento, prese mano a delicati atti amministrativi relativi a mala gestione, affari di colletti bianchi e debiti fuori controllo, denunciando tutto alla magistratura e procedendo alle revoche di lotti, concessioni e servizi pubblici ad imprese colluse.

Vittorioso è sotto processo per un articolo in formato di lettera pubblicato su un quotidiano locale dal titolo:  «Nomina all’Asi senza titoli»  in cui affermava che la nomina di Cicero sarebbe avvenuta, «senza previa valutazione di titoli e professionalità ma da esclusivi motivi di partito». Affermazione che oltre ad essere priva di fondamento avveniva in un contesto di continui attacchi e diffamazioni ai danni di Cicero.

Cortese, nel processo parallelo risponde di altre gravi diffamazioni a mezzo stampa tra le quali: «Cicero il bugiardo», definendo l’azione del presidente dell’Irsap «opaca e miope», con lo scopo «di screditare ciò che di buono era stato fatto» all’Asi di Caltanissetta.

“Ciò che in realtà ho fatto nelle Asi all’indomani del mio insediamento a Caltanissetta, Enna e Agrigento – afferma il presidente Irsap Cicero – è stata una verifica su atti e procedimenti amministrativi che avevano prodotto debiti e disastri, e favorito collusioni sottoponendoli all’autorità giudiziaria, oltre a cacciare via dalle aree industriali lobby affaristiche colluse ed odore di mafia”.

“Un’azione quotidiana difficilissima e sempre piu’ insidiosa, supportata dalle parti sociali, che ho potuto condurre con la massima determinazione grazie al sostegno degli organi preposti dello Stato che svolgono una straordinaria e coraggiosa opera di contrasto alla criminalità organizzata ed alle illegalità”.

“Quando nel periodo delle gestioni delle Asi di Agrigento, Caltanissetta ed Enna (2010-2012) ho toccato le carte di sistemi collusi e affari dei colletti bianchi – prosegue Cicero – oltre a ricevere numerose e gravi intimidazioni, ho dovuto difendermi anche dal fuoco di fila di ripetute diffamazioni, denigrazioni e violenti attacchi che sono proseguiti anche dal 2012 ad oggi, da quando sono alla guida dell’Irsap”.

“Una reazione da parte di un sistema, terrorizzato di dover rispondere delle gravi malefatte che aveva perpetrato nelle Asi e che tentava di scoraggiarmi, delegittimarmi ed isolarmi. Così si spiegano le infinite aggressioni diffamatorie di diversi colletti bianchi nei confronti di una costante e profonda azione di denuncia, condotta a viso aperto contro malaffare e collusioni con Cosa Nostra nelle aree industriali, azione che da allora non ha conosciuto pause”, conclude Cicero.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.