CronacaPrimo Piano

Lavoratori Ato rifiuti in sit in davanti l’assessorato regionale all’Energia e Servizi di Pubblica Utilità a Palermo. Foto

 (di massimo brizzi) Circa 600 i lavoratori impiegati nel settore rifiuti degli Ato 1, 2, 3, 4 e coinvolti nella vertenza messa oggi in evidenza dai sindacati di categoria sindacati  Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Fiadel e Ugl, intervenuti al sit-in di protesta davanti alla sede dell’ assessorato regionale all’Energia e Servizi di Pubblica Utilità, in via Campania a Palermo.

La vicenda riguarda il futuro dei lavoratori impegnati nella raccolta rifiuti in 21 comuni della provincia di Palermo, più specificatamente i paesi della fascia costiera da Balestrate a Santa Flavia, soci della società di regolamentazione Srr Area Metropolitana di Palermo.

E’ Alessandro Franchina coordinatore Ugl Pa- Tp a entrare nel dettaglio della vicenda spiegando i motivi della protesta:” Direttive chiare per la salvaguardia di tutti i livelli occupazionali nel transito dei lavoratori nelle gare appaltate e da appaltare nel territorio Srr Area Metropolitana di Palermo”, ha sottolineato il rappresentante sindacale.

“Lavoratori affidati a ditte private senza tener conto della legge 9/2010- ha aggiunto Nino Celano Uil Trasporti Palermo-sarebbe invece dovuta essere la società di regolamentazione a gestire ed assegnare il personale, un sistema che attualmente non razionalizza i costi e crea grandi incertezze sul futuro dei lavoratori”.

Unanimi i pareri di Alessandro Miranda Fit Cisl, Valerio Lombardo F.P Cgil e di Luisa Milazzo Fiadel che sottolineano la necessità di un incontro urgente con Valeria Contraffato, assessore regionale all’Energia e Servizi di Pubblica Utilità per chiedere il rispetto della legge 9/2010 sul transito del personale.

La protesta davanti l’assessorato oggi, a detta dei rappresentanti sindacali potrebbe essere solo il primo atto di dissenso, qualora la voce dei lavoratori coinvolti nella questione resterà inascoltata.

 

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.