CronacaPrimo Piano

Verso le attivazioni autobus per Borgo Molara. “Soddisfatti solo in parte, centinaia di studenti a piedi, Boccadifalco isolata”

foto di Antonella Tantillo @copyright Panastudio
foto di Antonella Tantillo @copyright Panastudio

“Dopo che gli uffici della Regione hanno deciso la sospensione della linea Amat che raggiungeva Borgo Molara per motivi di sicurezza, l’amministrazione comunale e l’Amat si sono adoperate congiuntamente per individuare il più velocemente possibile il percorso e le soluzioni tecniche che ovviassero ai rilievi sollevati dalla Regione.

Oggi, grazie ad un nuovo sopralluogo congiunto Comune-Amat-Regione è stata individuata la soluzione e nelle prossime ore si procederà all’emissione di una ordinanza, all’installazione della relativa segnaletica e alla acquisizione delle necessarie autorizzazioni formali dell’assessorato regionale e per tanto sarà ripristinata una linea bus che permetterà di raggiungere Borgo Molara, Aquino e Olio di Lino. Questo unito allo specifico servizio di Scuolabus, potenziato in questi giorni, permetterà di risolvere le criticità che sono state riscontrate ultimamente”

Lo dichiara il sindaco Leoluca Orlando, sottolineando che l’impegno dell’amministrazione comunale è quello di garantire ai cittadini servizi efficienti e di fare in modo che le borgate siano facilmente raggiungibili e collegate con il resto della città.

Rimane comunque ancora isolata Boccadifalco. “Abbiamo appena appreso dal Comune – dice il presidente della IV Circoscrizione Silvio Moncada – del ripristino di una linea bus che tornia collegare Borgo Molara e Aquino con la zona di Pagliarelli, a seguito del nuovo sopralluogo congiunto Comune-Amat-Regione di oggi. La soluzione prospettata, dopo la nostra battaglia e le mille firme fin qui raccolte, a malincuore ci soddisfa solo in parte. Questa ipotesi – spiega Moncada – non contempla infatti il collegamento di Borgo Molara con la parte alta di corso Calatafimi (via Paruta). In questo modo continua il disagio di centinaia di studenti delle scuole medie e superiori quali Rutelli, Vittorio Emanuele, Cavour, Enea Rossi. Il servizio scuolabus a cui fa riferimento il Comune è già attivo da molti anni, ma ovviamente riguarda gli alunni di scuole medie inferiori. Chiediamo con forza il ripristino della linea 906 o che il Comune istituisca un servizio scuolabus anche per i ragazzi più grandi. Ma non sono solo gli studenti a subire le conseguenze del nuovo provvedimento. La linea era utilizzata anche per le normali azioni quotidiane di cittadini della borgata”.

Irrisolti i problemi relativi ad altre linee soppresse come la 923 che collegava Boccadifalco a Baida. “Rimane confermato il consiglio straordinario di venerdì 15 – conclude il presidente della Quarta – nel quale, insieme ai cittadini, proporremo ancora una volta all’amministrazione comunale e all’Amat soluzioni definitive”.

 

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.