CronacaPrimo Piano

Rifiuti, Atti vandalici contro la Rap: Il presidente Marino spiega “puri atti di vandalismo non hanno a che fare con la raccolta dei rifiuti”

foto di Antonella Tantillo @copyright Panastudio
foto di Antonella Tantillo @copyright Panastudio

Palermo. Nei giorni scorsi l’Ansa ha lanciato una notizia in cui trattava la questione relativa a decine di roghi di rifiuti abbandonati, incendi che sarebbero collegati alla mancata raccolta di rifiuti in città da parte della Rap. Inoltre gli incendi avrebbero richiesto numerosi interventi da parte dei Vigili del Fuoco.

Il presidente della Rap, Sergio Marino ha dichiarato, “da un controllo effettuato dalla Rap, è emerso che tale notizia è inesatta e, almeno si spera, frutto di una frettolosa lettura di alcuni documenti e relazioni dei Vigili del Fuoco. Sarebbe bastato poco, contattare l’azienda per chiedere conferma, per evitare di mettere in cattiva luce l’operato della Rap, creare allarme e minare la credibilità di una seria testata come l’Ansa”.

“Periodicamente, continua Sergio Marino, nella nostra città alcuni gruppi di incivili bruciano alcuni cassonetti. Si tratta nella stragrande maggioranza dei casi, di puri atti di vandalismo che non hanno alcunché a che fare con la presenza o meno di rifiuti e immondizia. Questo avviene tutto l’anno anche se nel corso del tempo si è assistito ad un calo del fenomeno. In tali occasioni, i Vigili del Fuoco, forniscono alla Rap, ma soprattutto alle Forze dell’Ordine, dei report degli interventi, nei quali sono chiaramente distinti gli atti vandalici a danno dei cassonetti dagli interventi di spegnimento dei cumuli di rifiuti”.

Anche il sindaco Leoluca Orlando ha voluto commentare l’inesattezza della notizia, “quanto accaduto è molto spiacevole perché cambia del tutto la prospettiva dei fatti: quelli che sono a tutti gli effetti degli atti incivili e vandalici a danno della Rap, del Comune e del servizio di raccolta rifiuti, sono stati infatti dipinti quasi si trattasse di azioni da novelli Robin Hood che difendono o si difendono da presunte inefficienze del servizio. Nessuno nega o ha mai voluto negare, quando ci sono o ci sono stati i problemi legati a qualsivoglia servizio reso dalle aziende comunali, ma certamente non si può accettare da una testata giornalistica fra le più autorevoli, se non la più autorevole, che si commettano simili errori distorcendo la realtà dei fatti”.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.