Primo PianoSport

Palermo, presentato Arteaga: “Qui per fare bene. Sono pronto per giocare”. Miccichè: “Arteaga non sarà l’unico acquisto”

IMG-20151229-WA0018 (1)

Il nuovo acquisto del Palermo, Manuel Arteaga si è presentato oggi alla stampa accompagnato dal vice Presidente Guglielmo Miccichè. “Un momento particolare, siamo in una posizione di classifica pericolosa. Ci stiamo rinforzando – ha dichiarato il vice presidente -. Manuel Arteaga ci darà una mano. Ha una percentuale di presenza e di gol impressionante in Venezuela, una nazione in notevole sviluppo. Arteaga è stato consigliato a Zamparini da dei suoi collaboratori fidati. Non sarà l’unico acquisto del mercato, ma penso che il Palermo può facilmente arrivare a quota 36.37 punti senza problemi”.

Poi è toccato all’attaccante venezuelano che ha iniziato parlando della sua prima avventura in Italia, al Parma: “Al Parma è stato difficile perché dovevo imparare l’italiano e ambientarmi. I primi sei mesi sono andati bene poi dopo le cose si sono complicate e ho deciso di tornare in Venezuela”. Prime sensazioni sulla squadra? “Il primo impatto con la squadra è stato positivo, mi hanno accolto benissimo”. Paragoni con Dybala? Io sono Manuel Arteaga, sono qui per fare bene e aiutare la squadra. Devo avere pazienza e lavorare duramente”.

Ruolo? Prima punta. Ho sempre giocato in questo ruolo. Mi sento pronto per giocare. Com’è nata la trattativa? Dopo aver concluso il campionato venezuelano, il mio agente mi ha detto dell’offerta del Palermo e ho subito detto di si. Tanti sudamericani sono stati qui e hanno fatto bene, poi mi hanno detto che la città è molto bella. Giocatori a cui ti ispiri? Non ho nessuno a cui mi ispiro, da piccolo pensavo solo giocare a calcio e non guardare la tv. Hai visto giocare il Palermo? Si, ho visto le partite contro Frosinone e Sampdoria. La squadra gioca bene. Abbiamo quattro punti di vantaggio sul Frosinone, ma sono fiducioso”. Hai parlato con Zamparini? “Ancora no. Sicuramente parleremo nei prossimi giorni. Lavorare insieme a Gilardino? Lui è troppo forte, uno degli attaccanti più forti in Italia. Un campione del mondo da dove posso solo imparare tanto

Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.