Elezioni 2013, ecco i primi “candidati migratori”

Anna Finocchiaro (foto internet)

Gli uccelli migratori compiono generalmente due migrazioni annuali: una che fanno subito dopo lo svezzamento, insieme ai genitori, verso regioni a clima più mite e con quantità e qualità di cibo migliore; e una facendo la rotta inversa, verso le regioni in cui sono nati, che per il periodo della riproduzione hanno un clima più fresco e una quantità di cibo superiore, così da consentire una più facile gestione della crescita dei piccoli.

Questo avviene nel mondo animale. Altro fenomeno interessante e simile è quello dei candidati migratori nel mondo politico. Le migrazioni avvengono ogni cinque anni, con le elezioni politiche per rinnovare i due rami del Parlamento, e i candidati “volano” dai collegi elettorali di origine a quelli più favorevoli.

Anche alle prossime elezioni politiche il fenomeno si ripeterà e gli esemplari più prudenti sono già in volo verso lidi più accoglienti.

Accade così che la senatrice Anna Finocchiaro, originaria di Modica, abbia preferito ricandidarsi per l’ottava legislatura di fila  in Puglia, con tanto di primarie. Non è la prima volta che il Presidente dei senatori del Pd “migra”: già nella scorsa legislatura dopo il risultato disastroso alle elezioni regionali siciliane contro Raffaele Lombardo, la Finocchiaro aveva abbandonato il proprio seggio all’Ars per il Senato della Repubblica conquistato in Emilia Romagna.

La senatrice del Pd però non è la sola a volare via dalla Sicilia, uno stormo di candidati migratori si segnala dalle parti di Sinistra ecologia e libertà. A capeggiare lo stormo sarà Claudio Fava che dopo aver trasferito tardivamente la sua residenza a Isnello ha preferito candidarsi come capolista alla Camera in Lombardia. Chissà se ora trasferirà la residenza a Sesto San Giovanni. Ma l’ex candidato presidente sarà in buona compagnia, con lui ci saranno la coordinatrice provinciale di Sel a Palermo, Celeste Costantino, che sarà la seconda in lista alla Camera in Piemonte e il tesoriere Sergio Boccadutri che sarà il secondo in lista nel Lazio per la Camera.

Nei prossimi giorni si vedrà se anche nelle altre coalizioni e negli altri partiti ci saranno migrazioni importanti di politici siciliani, perché nelle passate elezioni in tanti hanno cercato fortuna elettorale in altre regioni con candidature blindate.

Marcello Dell’Utri, che a questo giro rischia grosso, è sempre stato eletto nei collegi sicuri iperberlusconiani della Lombardia; un altro suo compagno di partito come Enrico La Loggia nel 2006 venne candidato nelle liste di Forza Italia di Molise e Trentino Alto Adige. Un vero e proprio globetrotter elettorale è Leoluca Orlando che è stato sempre eletto alla Camera in circoscrizioni diverse da quelle siciliane. Esperienza migratoria anche per Sergio D’Antoni che venne eletto deputato alla Camera nel collegio uninominale di Napoli-Ischia per l’Ulivo alle elezioni suppletive dell’ottobre 2004, occupando il posto precedentemente ricoperto da Alessandra Mussolini. Per le prossime  elezioni però non ci sarà nessuna migrazione per l’ex leader della Cisl che le primarie del Pd sembrano aver condannato a rimanere in Sicilia e fuori dal Parlamento.

Adriano Frinchi 

 

schoenen online

Post correlati:

  1. Primarie PD: in Sicilia si vota il 30 dicembre. Ecco i candidati
  2. I giorni di Festa del 2013. Ecco in che giorni non si lavorerà
  3. Regionali, ecco tutti i listini dei candidati alla Presidenza
  4. Claudio Fava: “Ecco i miei primi cinque assessori”

Un commento per Elezioni 2013, ecco i primi “candidati migratori”

  1. Pingback: Belice in Crescita

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Categorie